1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    colore32A78E
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Ad aprile ripresa in rallentamento

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    Per aprile 2018 l'Ufficio Studi Confcommercio stima una crescita del Pil dello 0,1% rispetto al mese precedente e dell'1,1% sullo stesso mese del 2017. E' il dato principale dell'ultimo numero di "Congiuntura Confcommercio", da cui emerge una variazione al ribasso nel primo trimestre 2018 (da 0,2% a 0,1% congiunturale e da 1,4% a 1,2% tendenziale).

     

    ICC

     

    A marzo l'indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) è sceso dello 0,2% rispetto a febbraio e dello 0,5% nei confronti dello stesso mese del 2017, per effetto dell'indebolimento di molti indicatori congiunturali, in particolare dell'occupazione, che sta generando una stasi della domanda da parte delle famiglie.

     

    LE DINAMICHE CONGIUNTURALI

     

    La diminuzione dello 0,2% congiunturali è la sintesi di un aumento dello 0,1% della domanda relativa ai servizi e di una riduzione dello 0,3% di quella per i beni, che continua dunque ad esseere  in difficoltà. L'unica variazione positiva è quella relativa ai beni e ai servizi per la mobilità (+0,2), per effetto quasi esclusivamente del trasporto aereo.

     

    Stazionaria, rispetto a febbraio, la spesa relativa ai beni e i servizi ricreativi e quella per i beni e i servizi per la cura della persona. La flessione più significativa ha invece interessato gli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-0,7%). Lievemente più contenuto il calo della domanda per i beni e i servizi per le comunicazioni (-0,4%). Di modesta entità (-0,1%) la diminuzione per gli alberghi ed i pasti e consumazioni fuori casa, per l'abbigliamento e le calzature i beni e i servizi per la casa.

     

    LE DINAMICHE TENDENZIALI

     

    La flessione dello 0,5% è effetto di un'evoluzione positiva della domanda relativa ai servizi (+1,7%) e di una flessione dell'1,4% della spesa per i beni. confermando la tendenza al rallentamento emersa negli ultimi mesi. Bene la domanda relativa ai servizi (+1,7%), giù quella per i beni. L'incremento più significativo ha riguardato la domanda per gli alberghi, i pasti e le consumazioni fuori casa (+1,9%).

     

    Più contenuta la crescita per i beni e i servizi per le comunicazioni (+1,1%), per i beni e i servizi per la cura della persona e per i beni e i servizi per la casa (+0,9%). Stabile la domanda di beni e servizi ricreativi.  La riduzione più forte ha interessato il segmento dei beni e servizi per la mobilità (-4%). Più contenuta, la riduzione per l'abbigliamento e le calzature e per gli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-1,8%).

     

    LE TENDENZE A BREVE DEI PREZZI AL CONSUMO

     

    Per il mese di aprile 2018 l'Ufficio Studi Confcommercio stima, rispetto a marzo, un aumento dello 0,2%. Nel confronto con aprile 2017 l'inflazione dovrebbe rallentare allo 0,7%.

     

    Per ulteriori dettagli vedi il testo integrale del rapporto "Congiuntura Confcommercio aprile 2018"