1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Fipe: Somministrazione non assistita, le caratteristiche debbono fare la differenza dal bar e ristorante

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo
    Il Comitato Direttivo della Fipe Federazione Italiana Pubblici esercizi nella riunione del 6 maggio u.s. dopo un vivace dibattito sul tema del consumo immediato effettuato da esercizi di vicinato e attività artigianali, ha posto in evidenza la necessità di rimettere ordine, nel rispetto delle norme vigenti, all'interno della variegata offerta che caratterizza il consumo alimentare fuori casa, con l'obiettivo primario di tutelare la salute e la sicurezza dei consumatori.
    La Federazione ritiene che le norme in vigore non consentano ad esercizi di vicinato e attività artigiane né di utilizzare dehors, né di utilizzare arredi propri dell'attività di somministrazione, né di far consumare sul posto bevande alcoliche e superalcoliche Al riguardo si rammenta che la L. 4 agosto 2006, n. 248 all'art. 3 recita " ... per il consumo immediato dei prodotti di gastronomia presso l'esercizio di vicinato, utilizzando i locali e gli arredi dell'azienda ... " mentre all'art 4 "è consentita ai titolari di impianti di cui al comma 2 l'attività di vendita dei prodotti di propria produzione per il consumo immediato, utilizzando i locali e gli arredi dell'azienda ... ".
    L'esistenza di differenti regimi normativi a carico di pubblici esercizi, esercizi di vicinato e attività artigiane agisce nell'interesse del consumatore e per il corretto funzionamento del mercato secondo il principio "stesso mercato, stesse regole".