1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    colore32A78E
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Novembre positivo per il mercato del lavoro

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testoNel novembre 2017 il tasso di disoccupazione è sceso all'11% dall'11,1% di ottobre, al livello più basso dopo settembre 2012. Lo rileva l'Istat sottolineando che il tasso è diminuito di un punto percentuale rispetto a novembre 2016.


    I disoccupati totali sono 2.855.000, con un calo di 18.000 unità su ottobre e di 243.000 unità su novembre 2016. Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni scende al 32,7% in calo di 1,3 punti rispetto a ottobre. Rispetto a novembre 2016 si registra un calo di 7,2 punti percentuali. E' il tasso più basso da gennaio 2012. Il tasso di occupazione in questa fascia di età è al 17,7%, con un aumento di 0,5 punti rispetto a ottobre e di 1,4 punti rispetto a novembre 2016.


    Quanto agli occupati, a novembre erano 23.183.000, con un aumento di 65.000 unità su ottobre e di 345.000 su novembre 2016: è il livello più alto dall'inizio delle serie storiche (1977). Il tasso di occupazione 15-64 anni è salito al 58,4% con un aumento di 0,2 punti percentuali su ottobre e di 0,9 punti su novembre 2016. Il tasso di occupazione che tiene conto degli effetti demografici è ancora al di sotto del livello massimo del 2008 di 0,5 punti. Per le donne il tasso di occupazione sale al 49,2%, il livello più alto di sempre.


    Per maggiori dettagli vedi il testo integrale del comunicato Istat


    "Il dato di novembre è buon segnale per l'economia italiana. Se letto con la ripresa del clima di fiducia a dicembre e con l'incremento del reddito disponibile reale nel terzo trimestre del 2017, costituisce il presupposto per una buona entrata nel 2018. Anno, comunque non privo di incertezze di natura internazionale e interna. I dati di per sè favorevoli comunque non debbono far trascurare gli squilibri presenti nel mercato del lavoro. Vi sono, infatti, dei segmenti che mostrano ancora elementi di difficoltà. In particolare la fascia di età compresa tra i 35 ed i 49 anni, la più numerosa, e i lavoratori autonomi". Questo il commento di Confcommercio ai dati Istat sul mercato del lavoro.