1. Lente
    inside.list.records.vw_ascom_box_menu.empty
    inside.list.records.vw_ascom_box_menu.empty

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Rete Imprese italia: "No al salario minimo per legge, valorizzare la contrattazione collettiva"

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    "La contrattazione collettiva garantisce già condizioni e strumenti per sostenere i redditi e individuare modalità per migliorare la produttività. Evitare la proliferazione di ‘contratti pirata', sottoscritti da organizzazioni prive di rappresentatività, che generano dumping salariale". 

    Rete Imprese Italia ribadisce la sua posizione sul salario minimo. "Ribadiamo la nostra forte contrarietà alla regolamentazione per legge del salario minimo: la contrattazione collettiva garantisce già condizioni e strumenti per sostenere i redditi e individuare modalità per migliorare la produttività. Quello che bisogna evitare è, invece, la proliferazione di ‘contratti pirata'  - sottoscritti da organizzazioni prive di rappresentatività - che generano dumping salariale e determinano l'applicazione di trattamenti economici non congrui rispetto a quelli dei contratti collettivi stipulati da chi realmente rappresenta il mondo delle imprese e del lavoro". "Andrebbe, allora, dato valore legale ai minimi contrattuali stabiliti dai contratti collettivi sottoscritti dai soggetti comparativamente più rappresentativi e, insieme, andrebbe resa più incisiva la vigilanza degli organi ispettivi". "Occorre, inoltre, agire - prosegue la nota - per una progressiva riduzione della pressione fiscale - ferme  restando la necessaria attenzione agli andamenti della finanza pubblica e la prosecuzione  dell'azione di contrasto e recupero dell'evasione e dell'elusione fiscale - per rendere più pesanti le buste paga dei lavoratori e per dare impulso ai consumi delle famiglie ed agli investimenti delle imprese". "La fissazione ex lege del salario – conclude Rete Imprese Italia - sminuirebbe, invece, il ruolo svolto dalla contrattazione collettiva per la individuazione di trattamenti economici congrui e coerenti e rischierebbe di colpire anche tutele collettive e sistemi di welfare integrativi".