1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Riconoscimento e erogazione del Bonus rioccupazione Chiarimenti Inps

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    L'INPS con circolare 109/2019 (in allegato) ha fornito istruzioni operative per la gestione del contributo mensile, "bonus rioccupazione", previsto in favore dei titolari di un trattamento straordinario di integrazione salariale che si rioccupano durante il periodo di erogazione dell'assegno di ricollocazione.

    Tale contributo viene riconosciuto, quindi, ai titolari di trattamento straordinario di integrazione salariale che sono stati assunti nel periodo di erogazione della CIGS.

    Si tratta di un contributo economico, erogato direttamente dall'Inps sui conti correnti bancari o postali, libretti postali e carte prepagate i cui estremi sono stati comunicati dagli stessi lavoratori all'ANPAL ed è equivalente al 50% del trattamento CIGS che sarebbe stato corrisposto in quello stesso periodo.

    L'Istituto ha precisato che, ai fini del riconoscimento del contributo, il lavoratore deve essere assunto da un datore di lavoro che non presenti assetti proprietari sostanzialmente coincidenti con quelli dell'impresa presso cui era precedentemente impiegato.

    Tale rapporto di lavoro "deve essere esclusivamente di tipo subordinato e può essere instaurato, anche in regime di part time, sia con un contratto a tempo indeterminato che a termine".

    È previsto anche per il datore di lavoro che provvede ad effettuare l'assunzione un esonero, nella misura del 50%, degli oneri contributivi complessivi a suo carico, esclusi i premi e i contributi dovuti all'INAIL, nel limite massimo di importo pari a 4.030 euro annui, rivalutabile sulla base della variazione dell'indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie degli operai e degli impiegati.