1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreFEBD42
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Sangalli: "serve una spinta verso la buona innovazione"

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testoPer rimediare ai segnali di rallentamento dei consumi e della produzione "la prima cosa da fare é evitare gli aumenti delle aliquote Iva", ma serve anche "una spinta sull'innovazione. Così Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, nel suo intervento al convegno "La distribuzione tra intelligenza artificiale, e-commerce ed abitudini di consumo".


    Alla fase attuale di incertezza politica ed economica si aggiunge, per Sangalli, "un'incertezza piú strutturale, dovuta alla globalizzazione e all'innovazione, che ormai fa parte del mercato e delle nostre vite, e che ha determinato un cambiamento profondo degli stili di vita, dei modelli di consumo e di ció che viene richiesto alle imprese per avere successo".


    È un cambiamento con il quale deve fare i conti un'organizzazione come Confcommercio, che "ha l'ambizione è la responsabilitá di rappresentare un settore, il terziario di mercato, che vive l'innovazione sulla propria pelle e la trasforma in quotidianità per tanti consumatori". È la Confederazione, ha proseguito Sangalli, "é convinta che l'innovazione deve essere quanto piú reale, diffusa, alla portata di tutti, anche nell'impresa più piccola e nel negozio tradizionale". Deve insomma diventare "innovazione sociale perché solo così é buona innovazione, quando cioè allarga il mercato e non penalizza la concorrenza".


    In parole povere, "quando ci sono paritá di regole e di tassazione", come potrebbe garantire la web tax. "La chiave - ha concluso Sangalli - non è però nella tecnologia in sé, ma nella cultura e nella formazione. Una formazione che dia senso all'innovazione, al digitale, alla tecnologia e sappia collegarla al nostro essere persone, comunità e società".