1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl giornale online di Ascom Torino e Provincia
    altezza1
    coloreDD1750
    icona260
  3. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Tassazione TFR pregresso. Istruzioni Agenzia Entrate

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    Com’è noto, le nuove disposizioni in materia di previdenza complementare non precludono la possibilità di trasferire ai Fondi pensione -in ottemperanza ad accordi o contratti collettivi- anche il TFR maturato anteriormente al 1.1.2007. 
    In relazione a tale ipotesi, la Finanziaria 2008 ha fissato i criteri per la tassazione delle prestazioni derivanti dall’accantonamento presso i Fondi pensione del predetto TFR.
    Sull’argomento, l’Agenzia delle Entrate ha di recente chiarito che il conferimento del TFR pregresso avviene in neutralità d’imposta e va ad incrementare la posizione individuale in misura convenzionale, collocandosi, cioè,  in corrispondenza dei periodi di formazione  del TFR medesimo, a prescindere dalla data di iscrizione al fondo del dipendente.
    Tale criterio di imputazione comporta che in sede di liquidazione delle prestazioni, venga applicato il trattamento fiscale vigente nel periodo di accumulo delle singole quote di TFR.
    In altri termini, i nuovi più favorevoli criteri di tassazione delle prestazioni (15%, con riduzione fino al 9%)  non hanno effetto retroattivo ma trovano applicazione unicamente per le prestazioni derivanti dalle quote di TFR maturate e versate a partire dal 1.1.2007 (data di entrata in vigore della riforma).
    Viene, in ogni caso, precisato che la predetta attribuzione convenzionale rileva unicamente ai fini della determinazione del trattamento fiscale applicabile alle prestazioni. Di conseguenza non potrà essere considerata utile, ad esempio, per l’acquisizione della qualifica di “vecchio iscritto” ovvero per retrodatare la data di adesione al Fondo.