1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300

Fiscale e Tributaria

Area dedicata alla raccolta normativa su tematiche inerenti il fisco.
  1. data_inizio15/02/19
    descrizione

    Slitta al 30 aprile 2019 il termine per l’invio dello spesometro e dell’esterometro. Ad annunciare la proroga della scadenza - attualmente fissata, per entrambi gli adempimenti, al 28 febbraio 2019 - è stato il sottosegretario all’Economia Massimo Bitonci al termine del tavolo tecnico tenutosi il 13 febbraio 2019 per superare le criticità relative alla concomitanza delle scadenze fiscali, come lamentato in questi giorni da molti operatori del settore. Resta, però, per il 30 aprile, il rischio di un nuovo ingorgo di adempimenti.

  2. data_inizio08/02/19
    descrizione

    Dal 1° luglio 2019 scatta l’obbligo di trasmissione telematica dei corrispettivi, per i soggetti con volume d’affari superiore a 400.000 euro; per tutti gli altri contribuenti, si partirà il 1° gennaio 2020. Contestualmente, il legislatore ha previsto la memorizzazione dei corrispettivi trasmessi e l’esonero dalla tenuta del registro dei corrispettivi. L’intenzione è apprezzabile, ma la semplificazione, almeno per talune fattispecie, non è reale. Infatti, i contribuenti in contabilità ordinaria devono comunque registrare nel libro giornale, con periodicità giornaliera, i corrispettivi conseguiti. Pertanto, se l’esonero dalla tenuta del registro dei corrispettivi si sostanzia in un passaggio in meno, dall’altra il contribuente sarà comunque tenuto ad effettuare la registrazione dei corrispettivi giornalieri nel libro giornale.

  3. data_inizio08/02/19
    descrizione

    L’indicazione della targa del veicolo nella fattura elettronica emessa per documentare l’acquisto di carburante non costituisce un elemento obbligatorio ai fini della detrazione IVA, ferma restando la facoltà di inserire tale elemento per documentare l’inerenza dell’acquisto ai fini delle imposte dirette. In tal caso l’indicazione deve essere fornita nel campo “altri dati gestionali”. È questo uno dei chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate in risposta ad alcuni quesiti in materia di fatturazione elettronica.

  4. data_inizio08/02/19
    descrizione

    L’emissione della fattura elettronica entro il termine per effettuare la seconda liquidazione IVA comporta l’applicazione della sanzione per omesso versamento IVA. È quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate. La riduzione dell’80% si applica solo alla sanzione prevista per violazioni relative alla documentazione e registrazione degli imponibili IVA. Viene ancora una volta confermato che l’autofattura emessa in formato elettronico per assolvere gli obblighi IVA in caso di ricezione di una fattura in reverse charge deve riportare il codice TD01 nel campo “Tipo documento”. Infine, in merito alla detrazione IVA, viene precisato che, nel caso di acquisto di carburante per autotrazione presso distributori automatici, privi di lettore QRcode, per detrarre l’IVA e per dedurre il costo ai fini delle imposte dirette è sufficiente conservare la ricevuta di pagamento.

  5. data_inizio06/02/19
    descrizioneNella Finanziaria, oltre a quota 100 e Reddito di Cittadinanza ci sono diverse opportunità per le Aziende:
    - Agevolazioni Fiscali
    - Voucher digitalizzazione
    - Proroga del Credito di Imposta
    - Riforma tariffe INAIL
    - Ammortizzatori Sociali

    Vi invitiamo a discuterne insieme: LUNEDI' 18 FEBBRAIO ALLE ORE 9,30 in Ascom Torino, Via Massena,20
  6. data_inizio04/02/19
    descrizione
    In questa edizione dello scadenziario,  oltre alle normali scadenza potete trovare il saldo/stralcio dei debiti:
    - Soggetti interessati
    - Debiti definiti
    - Modalità di adesione
    - Effetti della definizione
    - Attività di controllo dell’agente della riscossione
  7. data_inizio29/01/19
    descrizioneCon piacere Vi proponiamo la brochure illustrativa delle principali novità introdotte dalla legge di bilancio 2019 rivolte alle Imprese del terziario. Si tratta di un'informativa veloce, sintetica ma completa, utile per avere una panoramica delle novità. Su tutti i contenuti i nostri Servizi fiscali, del lav oro, ambientali e finanziari sono a Vostra disposizione per ogni necessario approfondimento.Leggi la brochure sulla finanziaria 2019
  8. data_inizio25/01/19
    descrizione

    Arriva la modulistica per aderire alla nuova definizione agevolata dei carichi fiscali e contributivi per i soggetti in difficoltà economica. Si tratta del c.d. saldo e stralcio, introdotto dalla legge di Bilancio 2019. L’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha reso disponibile, sul proprio sito, il modello SA-ST che i contribuenti dovranno inviare entro il 30 aprile 2019 per chiedere di essere ammessi alla definizione. Il modello è molto simile a quello previsto per la rottamazione ter, anche se si distingue da quest’ultimo per alcuni importanti dettagli.

  9. data_inizio25/01/19
    descrizione

    Debutta nel 2019 lo spesometro transfrontaliero - l’esterometro, il nuovo adempimento che richiede la comunicazione dei dati delle operazioni poste in essere con i soggetti non residenti. Il primo appuntamento è fissato nell’ultimo giorno del mese successivo a quello di riferimento, quindi il 28 febbraio in relazione al mese di gennaio 2019. In relazione alla nuova comunicazione, è necessario prestare attenzione fin da ora ad alcune particolarità, messe in evidenza anche da Assonime nella circolare n. 26 del 2018. Ad esempio, con riguardo ai criteri adottati per l’inclusione delle operazioni nella comunicazione.

  10. data_inizio25/01/19
    descrizione

    Quando e come va emessa l’autofattura? In occasione del forum sulla fattura elettronica organizzato dal CNDCEC, l’Agenzia delle Entrate ha fatto il punto sulle casistiche di emissione dell’autofattura, distinguendo l’ipotesi delle autofatture spia, ossia quelle emesse dal cessionario/committente a denuncia della mancata emissione della fattura da parte del cedente/prestatore, decorsi 4 mesi dalla data di effettuazione dell’operazione, dagli altri casi di autofattura, quali, ad esempio, l’autoconsumo, gli omaggi, il reverse charge interno. Al ricorrere di queste diverse ipotesi, in che modo deve essere compilato il campo “Tipo Documento” del file XML?

Pagina 1 di 137 - Record da 1 a 10 di 1363 totali>|>>|