1. Lente
  1. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  2. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  3. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  1. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  2. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Liberalizzazione dell’accesso alla rete Wi-Fi

  2. sottotitolo

    Eliminazione dell’obbligo per i pubblici esercizi di acquisire la licenza del Questore per consentire alla clientela l’accesso alla rete internet

  3. immagine
  4. testo
    Recentemente è stato soppresso l’obbligo per i pubblici esercizi di acquisire la licenza del Questore per consentire alla clientela l’accesso alla rete internet, contemporaneamente è stato soppresso l’obbligo di identificare gli utenti, monitorare le operazioni ed archiviare i relativi dati.

    Al riguardo si segnale che alcuni operatori informatici stanno proponendo la vendita di programmi di identificazione dei clienti che accedono ad internet tramite Wi–Fi sostenendo che sussisterebbero degli obblighi e delle responsabilità in capo ai gestori di pubblici esercizi che mettono a disposizione della clientela il sistema di accesso in parola.
    Al riguardo si ribadisce che nel nostro ordinamento non sussiste alcuna disposizione che prevede tali adempimenti mentre, al contrario, esistono precise norme a tutela della privacy dei cittadini che potrebbe addirittura essere violata da tali sistemi.
     
    La presente interpretazione, oltre che sulle norme di legge, è suffragata da una precisa ed inequivocabile presa di posizione del Governo assunta formalmente dal Ministro Vito che, con la acclusa risposta ad una interrogazione parlamentare, ha chiarito che “sono abrogate le disposizioni per l’identificazione degli utenti, il monitoraggio delle operazioni e l’archiviazione dei dati e non è intenzione del Governo ripristinare restrizioni”.