1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl giornale online di Ascom Torino e Provincia
    altezza1
    coloreDD1750
    icona260
  3. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Al via i saldi invernali

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo
    Ad eccezione dei lucani e dei siciliani che potranno acquistare in saldo gia' dal 2 gennaio, in tutte le grandi citta' e in quattordici regioni su venti l'appuntamento con i saldi invernali e' fissato per il 5 gennaio. 

    I molisani e gli altoatesini dovranno, invece, attendere fino al 7 gennaio, mentre i valdostani, come da tradizione, fino al 10 gennaio. 

    Secondo le stime dell'Ufficio Studi di Confcommercio ogni famiglia, in occasione dei saldi invernali 2012, spendera' 403 euro per l'acquisto di capi d'abbigliamento ed accessori, per un valore complessivo di 6,1 miliardi di euro pari al 18% del fatturato annuo del settore. 

    ''La crisi economica e una stagione autunnale caratterizzata da un clima mite - sottolinea Renato Borghi, Presidente di Federazione Moda Italia e Vice Presidente di Confcommercio - non hanno di certo favorito le vendite di capi d'abbigliamento della collezione autunno/inverno. E anche a dicembre abbiamo dovuto fare i conti con un Natale all'insegna del risparmio e di molta prudenza negli acquisti. Inoltre, i margini delle imprese hanno subito un'ulteriore riduzione perche' per sostenere consumi gia' deboli i commercianti, laddove possibile, hanno assorbito l'aumento dell'Iva dal 20% al 21% deciso quest'estate. Ora con l'avvio dei saldi confidiamo in una boccata d'ossigeno per le vendite''. 

    E sulla data unica di partenza dei saldi e' perentorio il giudizio di Borghi: ''la fruttuosa collaborazione tra Federazione Moda Italia e le Regioni ha portato all'adozione su quasi tutto il territorio nazionale della data del 5 gennaio per l'inizio dei saldi, evitando, da un lato, spiacevoli diatribe e competizioni interregionali e, dall'altro, disordine, incertezze e un'anacronistica anarchia territoriale''.