1. Lente
  1. testoGRC - Giornale Radio Confcommercio
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  2. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testo
    altezza1
    colore
    icona999
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Incentivi per ampliamenti e riaperture di attività nei comuni con meno di 20.000 abitanti

  2. sottotitolo

  3. immaginePiazza
  4. testo

    L'art. 30 ter del Decreto Crescita 2019 ha previsto la concessione di un contributo a favore dei soggetti che procedono all’ampliamento di esercizi commerciali già esistenti o alla riapertura di esercizi chiusi da almeno 6 mesi, situati in Comuni con popolazione fino a 20.000 abitanti.

     Le ipotesi di intervento ammesse per ottenere il contributo sono le seguenti:

    a) RIAPERTURA sul territorio comunale di esercizi commerciali chiusi da almeno sei mesi;
    b) AMPLIAMENTO di strutture commerciali già esistenti sul territorio comunale;
    c) Esercizi il cui ampliamento comporta la riapertura di ingressi o di vetrine su strada pubblica chiusi da almeno sei mesi.


    Sono ammesse a fruire delle agevolazioni previste le iniziative finalizzate alla riapertura di esercizi operanti nei seguenti settori:


    -  Artigianato
    -  Turismo
    -  Fornitura di servizi destinati alla tutela ambientale, alla fruizione di beni culturali, al tempo libero, al commercio al dettaglio,

    - Somministrazione di alimenti e bevande al pubblico,

    - Commmercio limitatamente a:

    -Esercizi di vicinato con superficie di vendita non superiore a 150 mq nei Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti e a 250 mq nei Comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti

    -Medie strutture con superficie superiore ai predetti limiti e fino a 1500 mq nei Comuni con popolazione inferiore a 10.000 abitanti e a 2500 mq nei comuni con popolazione superiore a 10.000 abitanti

     

    Sono escluse dalle agevolazioni previste dall’articolo le attività di:

     

    -Compro oro

    -Sale per scommesse

    -Subentri in attività già esistenti precedentemente interrotte

    - Le aperture di nuove attività e le riaperture, conseguenti a cessione di un’attività preesistente da parte del medesimo soggetto che la esercitava in precedenza o, comunque, di un soggetto, anche costituito in forma societaria, che sia ad esso direttamente o indirettamente riconducibile.

     

    Le agevolazioni previste dal presente articolo consistono nell’erogazione di contributi per l’anno nel quale avviene l’apertura o l’ampliamento degli esercizi e per i tre anni successivi.

    La misura del contributo di cui al periodo precedente è rapportata alla somma dei tributi comunali ( IMU, TASI, TARI) dovuti dall’esercente e regolarmente pagati nell’anno precedente a quello nel quale è presentata la richiesta di concessione, fino al 100 per cento dell’importo.


    Per usufruire dell’agevolazione i soggetti interessati devono presentare dall’1.1 al 28.2 di ciascun anno la richiesta, redatta in base ad apposito modello, e la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante il possesso dei requisiti prescritti. Per l'anno 2020 un emendamento al cd decreto Legge "Mille proroghe" attualmente in fase di conversione ha previsto l'esensione del periodo per la richiesta di contributo fino al 30 settembre, speriamo che la proroga sia confermata dalla legge di confeversione. 

    Il Comune, dopo aver verificato la dichiarazione presentata e il regolare avvio e mantenimento dell’attività, determina la misura del contributo spettante.

    Le nuove disposizioni sono applicabili dall’1.1.2020.

    Pubblicheremo qui tutti i bandi dei Comuni con meno di 20.000 abitanti della provincia di Torino.


    Per informazioni rivolgersi al proprio ufficio territoriale di riferimento.