1. Lente
  1. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  2. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  3. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  1. testo
    altezza1
    colore
    icona999
  2. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  3. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Scontrino elettronico: come funziona, obblighi e sanzioni

  2. sottotitolo

  3. immaginescontrino elettronico
  4. testo

    Dal 1° luglio 2019 è stata introdotta gradualmente l'emissione dello scontrino elettronico in sostituzione degli scontrini cartacei e ricevute fiscali. L'invio dei corrispettivi telematici prevede l'obbligo di un registratore di cassa fiscale, che consente la trasmissione all'Agenzia delle Entrate dei dati obbligatori e permette di partecipare alla lotteria degli scontrini. L'entrata in vigore della legge di Bilancio 2021 aveva fissato, per tutti gli esercenti, l'invio degli scontrini tramite registratori telematici al 1° gennaio 2021.

    Ma a ridosso della scadenza, con il Provvedimento del 23 dicembre 2020, l'obbligo ha subìto una prima proroga al 1° aprile 2021; poi, con il successivo Provvedimento del 30 marzo 2021 (come si evince dal documento in pdf), è giunta la proroga al 1° ottobre 2021. Infine, con il Provvedimento del 7 settembre 2021, l’Agenzia delle Entrate ha disposto l’ulteriore proroga, dal 1° ottobre 2021 al 1° gennaio 2022.

    C'è tempo, quindi, fino al 1° gennaio 2022 per aggiornare i Registratori Telematici al tracciato telematico dei dati dei corrispettivi giornalieri “TIPI DATI PER I CORRISPETTIVI – versione 7.0 - giugno 2020”, e sino a questa data sarà ancora possibile inviare i corrispettivi con il vecchio tracciato (versione 6.0).

    Con il Provvedimento del 7 settembre 2021 si adeguano al 31 dicembre 2021 i termini entro i quali i produttori possono dichiarare la conformità alle specifiche tecniche di un modello già approvato dall’Agenzia delle Entrate.

    In questo approfondimento, oltre a spiegare in modo semplice che cos’è e come funziona l'invio telematico dei corrispettivi risponderemo ad alcune frequenti domande che ci vengono poste da esercenti, professionisti e titolari di attività. Parleremo, quindi, di quali sono i dati obbligatori da inserire nello scontrino, delle sanzioni e di eventuali errori (come ad esempio cosa accade in caso di annullamento, reso, cambio merce, scontrino non pagato, ecc.).

    Per ulteriori informazioni, invece, a questo link è possibile consultare una guida approfondita dell'Agenzia delle Entrate, contenente indicazioni dettagliate sulla memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei corrispettivi.


    LEGGI IL NOSTRO NUOVO FOCUS