1. Lente
  1. testoGRC - Giornale Radio Confcommercio
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  2. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testo
    altezza1
    colore
    icona999
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    “Risparmi illusori” Federmobili Torino denuncia gli operatori e le piattaforme web che promettono "sogni" e non consegnano merci.

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testoDopo il fenomeno degli “svuota tutto” senza fine anche la crescita senza regole dell’e-commerce nel settore dell’Arredamento ha moltiplicato i casi di vere e proprie frodi ai danni dei consumatori. Sono centinaia le segnalazioni di clienti che hanno pagato per un prodotto mai consegnato. Esemplare il caso del sito Livinx.it che, su segnalazione del presidente di Federmobili Torino, Andrea Sacco, è stato oggetto dell’intervento dell’Associazione dei Consumatori “Codici” che lo ha denunciato all’Antitrust. Federmobili Torino denuncia tutte le pratiche che come queste ledono l’immagine della Categoria, in quanto possono trarre in inganno il consumatore e addirittura tradursi in inadempimenti contrattuali violanti diritti soggettivi.

    “Gli operatori – commenta il presidente Andrea Sacco - siano essi siti di vendita on line, catene, singoli punti vendita, consorzi o pseudo catene produttrici che, promettono risparmi illusori o incentivi agli acquisti, che non consegnano la merce e non provvedono al rimborso di quanto anticipato dal cliente, non hanno nulla a che vedere con la politica che Federmobili da anni promuove. Da sempre la nostra Federazione si batte affinché “trasparenza”, “chiarezza” e rispetto delle “regole” diventino le condizioni essenziali per operare seriamente in un mercato non abbastanza difeso da comportamenti scorretti.

    A questo proposito, pur senza volersi sostituire alla giustizia, Federmobili Torino non condivide il tentativo di imprenditori, che con le proprie politiche hanno profondamente turbato il mercato, di riabilitarsi. Il riferimento è al caso di Domenico Vartuli imprenditore del settore che ha vissuto un triste epilogo della precedente attività a Carmagnola, trattato in alcuni articoli. Siamo convinti che si tratti di un tentativo di autoassoluzione al fine di promuovere la nuova attività a Savigliano.

    “Di fronte ad episodi che hanno arrecato grave danno alla clientela, ai lavoratori dipendenti, ai fornitori e all'immagine del nostro settore si vorrebbe la massima cautela preferendo valorizzare le molte storie positive di titolari di negozi di arredamento del nostro territorio, pur a fronte della grave crisi iniziata il 2008, navigano saldamente le acque del mercato con piena responsabilità, rispettando i doveri dell'azienda e preferendo spesso la rinuncia al superfluo pur di rispettare i diritti della clientela così come dei collaboratori e dei fornitori. È nostro impegno primario fare in modo che etica e comportamenti leali siano le caratteristiche principali che contraddistinguono la “distribuzione indipendente tradizionale” del settore arredo: raccontando esempi positivi di impresa” – conclude Andrea Sacco presidente Federmobili