1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  3. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    colore32A78E
    icona20
  1. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    coloreDB241F
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Food delivery: indicazioni e chiarimenti

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    Restare a casa il più possibile, ma senza rinunciare a farsi coccolare dal cibo, magari ordinando da una delle tante attività che si stanno organizzando in questi giorni per portare direttamente nelle nostre case e in completa sicurezza la cena o gli ingredienti di qualità per prepararla.

    Per aiutare i cittadini a trovare più facilmente le attività sotto casa disponibili ad effettuare questo tipo di servizio Ascom ed Epat in collaborazione con la Città di Torino e Unito hanno lanciato l’iniziativa “ConsegnaTO a domicilio”.

    Per tutte le attività di vendita alimenti e somministrazione che in questi giorni hanno rimodulato la propria attività implementando il servizio di consegna a domicilio dei loro prodotti ricordiamo che tale attività si può svolgere senza limiti di orario, tramite terzi (con ad esempio piattaforma specializzata) oppure organizzazione autonoma da parte dell’esercente.

    In quest’ultimo caso l'azienda dovrà assicurare che siano rispettate le norme igienico sanitarie per il trasporto e si ricorda di aggiornare le procedure del manuale di HACCP nel caso in cui prima tale servizio non venisse effettuato. Nel caso di consegna a domicilio tramite aziende terze, saranno queste a dover garantire all’esercente il rispetto delle prescrizioni di sicurezza igienico sanitarie da parte di chi effettivamente consegnerà il pasto.

    Ricordiamo che il centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha affermato che il nuovo coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso le goccioline del respiro delle persone infette. Il contagio interumano resta la modalità principale di diffusione del virus.

    Anche l’Organizzazione mondiale della Sanità (OMS), dopo avere sottolineato che ad oggi non ci siano evidenze scientifiche della trasmissione di coronavirus tramite alimenti, raccomanda di seguire semplicemente le normali regole di igiene e sicurezza per la prevenzione delle infezioni trasmissibili con gli alimenti. Invita, in via precauzionale, ad evitare il consumo di alimenti crudi o poco cotti di origine animale – carne, pesce, latte, uova – rassicurandoci che comunque il coronavirus non sopravvive raggiunti i 70°C.

    È importante, come sempre, evitare la contaminazione crociata e quindi tenere separati gli alimenti cotti da quelli crudi durante la manipolazione e conservazione, senza dimenticarsi di lavare accuratamente le mani prima e dopo la preparazione.

    Quindi per evitare l’aumentare della diffusione del nuovo coronavirus oggi è necessario seguire scrupolosamente le indicazioni del Ministero della Salute soprattutto in fase di consegna (guanti, mascherine, metro di distanza).

    Per tutti i nostri associati abbiamo predisposto e rendiamo disponibile gratuitamente un’apposita procedura da inserire nel manuale per la consegna a domicilio.

    Per maggiori informazioni ed approfondimenti è sempre a disposizione il nostro ufficio tecnico HACCP, anche in questo periodo di emergenza.


    Ufficio Tecnico HACCP

    Tel: 011-5516.124

    Email: haccp@catcom.it