1. Lente
  1. testoGRC - Giornale Radio Confcommercio
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  2. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  3. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  1. testo
    altezza1
    colore
    icona999
  2. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999
  3. testo
    altezza1
    coloref0f0ed
    icona999

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    INPS: COVID-19 – chiarimenti per la proroga al 31 ottobre per l’invio delle domande di CIG

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    L’INPS, con il messaggio n. 3729 del 15 ottobre 2020, fornisce alcune precisazioni in merito alla proroga, al 31 ottobre 2020, dei termini decadenziali per l’invio delle domande di trattamento di integrazione salariale e dei dati utili ai rispettivi pagamenti diretti (Decreto-legge 7 ottobre 2020, n. 125). Inoltre, fornisce i chiarimenti in ordine all’invio delle istanze relative all’ulteriore periodo di nove settimane di trattamento di integrazione salariale, di cui al decreto-legge 14 agosto 2020, n. 104.

    In particolare, l’art. 3, del DL 125/2020 ha prorogato i termini decadenziali per l’invio delle domande di trattamenti di integrazione (CIGO, CIGD, CISOA) e di assegno ordinario, nonché di trasmissione dei relativi dati di pagamento diretto, precedentemente fissati al 31 agosto 2020 ed al 30 settembre 2020 (commi 9 e 10, Decreto Legge 14 agosto 2020, n. 104) al 31 ottobre 2020.

    In riferimento, invece, alle ulteriori 9 settimane di trattamento di integrazione salariale previste dall’art. 1, Decreto Legge 14 agosto 2020, n. 104, convertito con modificazioni dalla Legge 13 ottobre 2020, n. 126, l’Istituto ha chiarito che è possibile presentare l’istanza dall’emanazione del precedente Messaggio INPS 1° ottobre 2020, n. 3525, indipendentemente dal rilascio dell’autorizzazione delle prime nove settimane.

    Il predetto messaggio si ricorda ha dato indicazioni sulle modalità operative che aziende e intermediari devono seguire per l’invio delle domande di accesso ai trattamenti di cassa integrazione e assegno ordinario.

    Per quanto riguarda la verifica della concessione del primo periodo di integrazione salariale ex dl 104/2020 verrà effettuata direttamente dall’Inps e sarà presupposto per il riconoscimento degli ulteriori trattamenti richiesti.