1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Ministero del Lavoro - interpello in tema di sicurezza sul lavoro

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testo

    Si informa che la Commissione per gli interpelli, istituita ai sensi dell'art 12 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. presso il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali, ha fornito - con l'Interpello n. 6 del 01 ottobre 2019 – il proprio parere  in merito al presunto contrasto tra due disposizioni del D.Lgs. n. 81/2008.

    Nello specifico veniva richiesto, da parte dell' Associazione Tecnici e Coordinatori della Sicurezza, se sussista contrasto tra l'art. 111 (Obblighi del datore di lavoro nell'uso di attrezzature per lavori in quota) che statuisce una priorità, ma non l'obbligo dell'adozione di misure di protezione collettiva rispetto a quelle di protezione individuale e l'art.  148 (lavori speciali) che sancisce tale obbligo.

    La Commissione, in seguito ad un'attenta disamina del quadro normativo, ritiene che non sussista alcun "contrasto" tra i citati articoli.

    In particolare l'art. 148, che riguarda i lavori speciali, sancisce l'obbligo di predisporre comunque misure di protezione collettiva, nel caso di lavori effettuati su lucernari, tetti, coperture e simili, che possano esporre a rischio il lavoratore e qualora, sulla base della valutazione del rischio, tali superfici non siano in grado di garantire una resistenza sufficiente per sostenere il peso degli operai e dei materiali di impiego o sia dubbia la loro resistenza.

    L'art. 148 è, a parere della Commissione, una disposizione speciale che prevale su quella ordinaria  di cui all'art. 111, disciplinante i lavori in quota in linea generale.