1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  3. testoTi serve credito? Hai provato a chiedere a noi?
    altezza1
    colore80579E
    icona230
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Nuova Regolamentazione Dehors Per Epat Torino un risultato positivo, lo Sportello Dehors a disposizione degli Associati

  2. sottotitolo

  3. immagineDehors
  4. testoDopo tre anni di lavoro, su norme regolamentari e aspetti tecnici, vede la luce il nuovo Regolamento Dehors per il territorio comunale di Torino, approvato in Consiglio Comunale il 22 luglio scorso. “Un risultato positivo per il quale è richiesto ancora all’amministrazione torinese uno sforzo per limare procedure e rendere chiari i vari aspetti della configurazione di dehors per gli anni a venire a partire dal 1gennaio 2020 – dichiara Claudio Ferraro direttore Epat Torino.

    In tal senso l’Epat si è già organizzata con apposito Sportello Dehors, in cui i soci potranno assumere tutte le informazioni su tipologie, modificazioni dei Dehors preesistenti, tempi necessari, sino a precise consulenze tecniche sulle nuove configurazioni, nonché assistenza nella creazione delle stesse.

    “Per quanto ogni cambiamento venga solitamente visto come un aumento di oneri, rischio non da poco anche a Torino per cui è stato necessario il lungo iter di approvazione del regolamento, il risultato che il lavoro, soprattutto tecnico, della nostra associazione ha portato appare di tutto rispetto per il futuro delle strutture – continua il direttore dell’Epat, soprattutto se si pensa che l’attuale parco Dehors conta più di 500 strutture irregolari in toto o in parte.”

    Sono stati ipotizzate quattro configurazioni, tra cui quella del padiglione leggero agibile anche in zone centrali. Sono stati abbattuti gli oneri di parcheggio dovuti per le strutture a padiglione (e non dovute per i dehors solo con sedie, tavolini ed ombrelloni) collegando ad essi l’acquisizione della relativa superficie di somministrazione. Sono stati mantenuti ed in parte diminuiti gli oneri Cosap. Inoltre è stato garantito un periodo transitorio per la modificazione o realizzazione di nuove strutture. Insomma un risultato ancora passibile di piccole integrazioni, ma che rappresenta un obbiettivo raggiunto.