1. Lente
  1. testo... scopri come risparmiare Energia in Ascom!
    altezza1
    coloreEE5F39
    icona330
  2. testoIl giornale online di Ascom Torino e Provincia
    altezza1
    coloreDD1750
    icona260
  3. testoIl Mercato della Pubblica Aministrazione
    altezza1
    coloreE83F76
    icona20
  1. testoScopri tutti i vantaggi di essere Socio
    altezza1
    colore53C7A0
    icona530
  2. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300
  3. altezza1
    coloreFEBD42
    icona300

Dettaglio News

Principali
  1. titolo

    Torino: dal primo di febbraio in vigore le nuove tariffe di bus, tram e metropolitana

  2. sottotitolo

  3. immagine
  4. testoApprovate in Sala Rossa le nuove tariffe per il trasporto pubblico gestito da Gtt, che entreranno in vigore il 1° febbraio 2012.

    Il biglietto di corsa semplice costerà 1,50 euro (1,70 tratta urbana più suburbana). La validità sale a 90 minuti, compresa una corsa in metropolitana e senza seconda convalida. 

    Il carnet da 5 biglietti costerà 6,50 euro (1,30 a biglietto) mentre quello da 15 costerà 17,50 euro (1,17 euro a biglietto) e saranno validi con lo stesso costo anche nelle tratte suburbane, limitatamente ai Comuni della prima cintura.

    Restano invariati gli abbonamenti per disabili, disoccupati e studenti (ma per questi ultimi, solo per l’intera rete mentre aumenta per la sola rete urbana a 21 euro).

    Per i bambini fino a 11 anni è stata introdotta la gratuità. Gli anziani oltre i 65 anni sono esenti dal pagamento del biglietto, ma solo in caso di reddito al di sotto di 36.151,98 mila euro. Per chi, in età compresa tra i 60 e i 65 anni, sia già oggi titolare di un abbonamento per ultrasessantenne, continueranno a valere i precedenti requisiti.

    L’abbonamento annuale personale (Formula U) costerà 310 euro da 290 (+ 7%). L’abbonamento settimanale passa a 12 euro (+ 26%). 

    Con la delibera, il Consiglio comunale autorizza Gtt a prevedere forme speciali di pagamento per le aziende del territorio metropolitano che si impegnino a pagare una quota dell’abbonamento annuale dei propri dipendenti.

    La delibera che ha ottenuto 22 voti a favore (Pd, Sel, Idv, Moderati, Misto) e 6 contrari (Lega Nord, Mov. 5 stelle, Fli) è stata approvata con gli emendamenti della maggioranza.
    Il Pdl ha lasciato l’aula in segno di dissenso con il provvedimento, così come Torino Libera.